Blog: http://lanapoleoni.ilcannocchiale.it

G8: a L'Aquila macerie su macerie

Di seguito pubblico:
l'Opinione uscita su Metro giovedì 9 luglio, e lo Speciale TG1 a cui ho partecipato lo stesso giorno
(un clic sull'immagine per vedere il video: i miei interventi ai minuti 11,41-12,20; 31,27-32,20; 39,31-40,45; 52,59-54,38; 58,12).


Non aspettiamoci che il G8 tiri fuori le ruspe e spazzi via con le macerie del sistema finanziario quelle del terremoto. L'incontro al quale partecipano 39 nazioni. come dice Berlusconi, l'equivalente del 90% dell'economia mondiale, non ha il potere di farlo. Neppure la ricostruzione economica e quella della città dell'Aquila, fa parte dei compiti del G8. Questa istituzione nasce come forum informale dove i grandi della Terra possono scambiare idee e opinioni senza essere ingessati dai protocolli. Ma da una decina d'anni a questa parte il G8 si è allargato, facendo partecipare agli incontri anche altri paesi.  Difficile quindi immaginare quanto informale possa essere un evento al quale partecipano 39 nazioni con al seguito burocrati, sicurezza ed eserciti di giornalisti.

Viene spontaneo domandarsi, a questo punto, che differenza c'è tra G8 e le Nazioni Unite, dove tutti questi paesi sono regolarmente rappresentati. Perché spendere denaro pubblico per incontrarsi in giro per il mondo quando esiste un'istituzione creata appositamente per questo? E' questo un punto che interessa molto al contribuente. E qui incappiamo nell'anacronismo dell'evento: nel 2000, quando il tema era la povertà in Africa, il Giappone spese 750 miliardi di dollari per il G8 di Nago, vicino a Okinawa, abbastanza per risanare le finanze di gran parte di quel continente. Difficile calcolare quanto costerà il G8 dell'Aquila, ma stando ai pochi dati disponibili e alle spese passate sicuramente non meno di 150 milioni di euro. All'Aquila stanno ancora aspettando i 20 milioni di euro promessi tre mesi fa. Non sarebbe stato meglio cancellare il G8, usare i fondi per la ricostruzione e incontrarsi informalmente al Palazzo di Vetro dell'Onu?


Pubblicato il 13/7/2009 alle 9.41 nella rubrica Video.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web