Blog: http://lanapoleoni.ilcannocchiale.it

I MIEI LIBRI

 
Loretta Napoleoni
La morsa 
Le vere ragioni della crisi mondiale 
Editore Chiarelettere, 2009 (collana Reverse)
186 p., brossura

Per acquistarlo su IBS


Descrizione:
La compravendita del rischio, come se il rischio fosse un bene economico da vendere e da comprare. Un patrimonio di anni buttato via. Cifre da capogiro. Ma invece di azzerare il rischio, i governi lo spostano dal settore privato a quello pubblico, caricandolo sulle nostre spalle. Ancora una volta la verità ci viene negata. E siamo ingannati: come è successo per la guerra al terrorismo che ha alimentato le nostre paure e dissanguato le casse degli Stati Uniti, mentre la finanza islamica è ben florida e aiuta il diffondersi del fondamentalismo sulle macerie dell'impero comunista. La crisi economica è l'effetto dell'11 settembre e delle guerre che ne sono seguite. Inutili. Nessuno ha il coraggio di dirlo. Ma è a tutti chiaro che niente sarà come prima. Non è la fine del mondo, ma di un mondo. Malgrado tutto, possiamo esercitarci a immaginare un altro futuro. Più nostro.




Loretta Napoleoni;  Ronald J. Bee 
I numeri del terrore
Perché non dobbiamo avere paura
Il Saggiatore 2008
143 p., brossura
Traduttore Rota Sperti S.

Per acquistarlo su IBS

Descrizione:
Un attacco atomico da parte di gruppi terroristici è una minaccia reale che incombe oggi sull’Occidente?
La sfida dell’estremismo islamico rende davvero inevitabile uno scontro di civiltà?
Secondo la propaganda politica sì. Dall’11 settembre in avanti, capi di stato e organi di stampa non fanno che parlarci di sicurezza, fino a seminare la paura che stati canaglia come Corea del Nord o Iran vendano l’atomica a gruppi armati.
La realtà però racconta una storia diversa. Attraverso dati e statistiche, Loretta Napoleoni e Ronald Bee spiegano magistralmente come la politica abbia manipolato l’opinione pubblica tratteggiando uno scenario
da incubo che nei fatti non esiste. I veri pericoli che corre l’Occidente sono quelli creati dalla politica della paura perseguita dai suoi governi: crisi energetica, anarchia dei mercati finanziari, stagnazione economica, impoverimento generale.



Loretta Napoleoni 
Economia canaglia
Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale 
Il Saggiatore 2008
310 p., brossura
Traduttore De Franco S.

Per acquistarlo su IBS

Descrizione:
I consumatori vivono oggi in un mondo virtuale idilliaco costruito dai media. Intrappolati in una fitta ragnatela di chimere economiche e politiche, i cittadini ne sono spesso (e inconsapevolmente) parte integrante. Ma la realtà economica globale è un pianeta che muta con sconcertante intensità e rapidità. A gestirlo è l'economia canaglia, una forza indomabile in mano a nuove generazioni di spregiudicati uomini d'affari, imprenditori e finanzieri. I cittadini alimentano un subdolo meccanismo che li danneggia. Ma tutto ciò è già successo. Attraverso esempi concreti, Loretta Napoleoni descrive l'avvento e la diffusione dell'economia canaglia, invitandoci ad aprire gli occhi e a conoscere veramente il mondo in cui viviamo: dalla caduta del Muro di Berlino, attraverso gli anni novanta, la rivoluzione cibernetica, il diffondersi della pirateria fino alla tragedia delle Torri Gemelle e alla costruzione dell'impero economico cinese e di quello finanziario islamico



Loretta Napoleoni 
Terrorismo S.p.a.
Il Saggiatore Tascabili 2008
424 p., brossura
Traduttore Lagomarsino G.

Per acquistarlo su IBS

Descrizione:
Millecinquecento miliardi di dollari o, se si preferisce, il cinque per cento del valore della produzione mondiale. È l'ammontare dei capitali su cui possono contare le organizzazioni eversive di tutto il mondo. Un flusso di denaro enorme e in continua crescita che nel corso degli anni ha alimentato le attività di gruppi diversissimi e, dopo la caduta del Muro di Berlino, è passato per lo più sotto il controllo di una potente oligarchia mediorientale: quella che, dopo aver combattuto a fianco dell'Occidente nella lotta contro l'impero sovietico, ha giurato guerra ai suoi finanziatori del passato. Ma nel tempo della globalizzazione dei mercati è ancora possibile distinguere gli interessi di Osama bin Laden e degli altri prìncipi del terrore da quelli della finanza occidentale? Per la prima volta l'ordine mondiale emerso dopo l'11 settembre non appare come il risultato di un presunto scontro di civiltà o di un'immaginaria guerra di religione, ma come la diretta conseguenza di interessi economici che uniscono e allo stesso tempo dividono Oriente e Occidente.



Loretta Napoleoni 
Al Zarqawi
Tropea (collana Le querce)
256 p.

Per acquistarlo su IBS


Descrizione:

"La storia di al-Zarqawi e di molti suoi seguaci dovrebbe farci capire che, più della guerra e della repressione, i governi devono attuare politiche preventive. È necessaria innanzitutto una politica della verità, di una verità provata dai fatti, in grado di farci comprendere meglio la natura e le motivazioni del movimento jihadista e della sua ideologia." Loretta Napoleoni ricostruisce la vicenda del ricercato n. 2 nel mondo, distilla la realtà dall'immagine ingigantita dai media, svela la complessità dei conflitti interni al mondo islamico, smontando il teorema di un unico disegno terroristico. Economista, l'autrice è nata a Roma ma vive a Londra da oltre vent'anni.



Pubblicato il 18/4/2009 alle 21.0 nella rubrica LIbri.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web