.
Annunci online

abbonamento

La crisi, l'Europa e la Grecia


Ma allora non siamo fuori della crisi? Viene spontaneo chiedersi osservando il tasso di cambio dell’euro perdere quota quasi giornalmente, -15% dall’apice contro il dollaro raggiunto nel luglio del 2008. Questa volta però a trascinare verso il basso tutti gli indici di borsa non sono i famigerati hedge funds o le banche d’affari, ma le difficolta’ dell’Unione Europea nel gestire la prima vera grande crisi finanziaria della sua storia. Il rischio e’ l’insolvenza di una rosa di paesi europei, con in testa la Grecia, che hanno accumulato un deficit di bilancio ben al di sopra dei limiti imposti dall’euro zona. Quello della Grecia, il piu’ alto, era nel 2009 gia’ a quota 12,7% del Pil. Le domande sono tante ed e’ bene organizzarle cronologicamente per capire come siamo arrivati  a ridosso della bancarotta della moneta unica europea.

    Il deficit dell’euro zona, e cioè dei paesi che ne fanno parte, e’ de facto compensato dal surplus commerciale di una sola nazione: la Germania. Quando la Grecia, l’Irlanda, la Spagna, il Portogallo ma anche l’Italia, hanno aderito alla moneta unica, sui mercati internazionali il loro debito si e’ venduto a condizioni simili a quelle della Germania, un paese infinitamente piu’ ricco. La moneta comune ha ridotto il differenziale dei prezzi tra le obbligazioni tedesche e quelle irlandesi o greche. Quando c’era il marco, la sterlina irlandese e la dracma ai tedeschi costava molto meno indebitarsi che agli irlandesi o ai greci.

    Date le condizioni vantaggiose del credito questi paesi si sono indebitati eccessivamente. E qui e’ bene fare una pausa. L’unione Europea doveva intervenire anni fa’ e costringerli a rispettare i margini imposti dall’accordo di Maastricht sul debito pubblico. Ma se la politica monetaria comune funziona quella fiscale in realtà non esiste nell’euro zona. Bruxelles non ha muscoli per controllare quanto debito i governi vendano sui mercati internazionali, ne’ quelli per verificare cosa ci fanno con questi soldi. La Grecia li ha in parte sperperati, la Spagna li ha gestiti meglio, ma e’ finita invischiata in una speculazione edilizia senza precedenti, lo stesso si puo’ dire dell’Irlanda, e cosi’ via.

    Questo e’ un handicap serio. La crisi attuale e’ a carattere fiduciario, i mercati improvvisamente hanno deciso che non si fidavano più della Grecia e gli hanno girato le spalle. Sulla carta hanno ragione, ma perché allora la crisi non e’ scoppiata sei mesi fa’? In un momento recessivo e’ normale che aumenti il deficit di bilancio perché scende il gettito fiscale e sale la spesa pubblica per sostenere l’economia sale. La Grecia, va poi detto, non ha banche con beni tossici in bilancio come il Regno Unito o l’Irlanda. Ha però un governo socialista, come la Spagna, che vuole trovare una soluzione sociale ai problemi economici.

    La verita’ e’ che non si doveva arrivare al punto in cui e’ il mercato che punisce gli errori dei suoi giocatori piuttosto che gli arbitri, e cioe’ l’Unione Europea. E quando la crisi scoppia questi ultimi non sanno cosa fare. Sembra un de-ja-vu finanziario: i paesi ricchi dell’UE si comportano come la Fed ed il Tesoro americani durante la caduta della Lehman Brothers: sottovalutano le conseguenze della loro inazione.

    Come andrà a finire questo nuovo capitolo della crisi del credito? Il pericolo vero e’ l’effetto domino, che dalla Grecia la sfiducia si allarghi a macchia d’olio agli altri paesi e magari coinvolga anche la Francia ed il Regno Unito, poiché in materia fiscale solo la Germania ed i paesi nordici sembrano aver mantenuto una disciplina ferrea. Se ciò avvenisse  la credibilità dell’Euro sarebbe messa a dura prova e gli europei ne pagherebbero le conseguenze per più di una generazione. Ed e’ possibile che si arrivi a questo, leggendo il blando ed incolore comunicato prodotto dall’Unione Europea dove si dice che la Grecia non ha chiesto aiuto.

    Meglio sarebbe stato mettere a punto un piano di salvataggio a breve per  sostenere la Grecia, aiutando cosi’ i mercati a riconquistare la fiducia in questa nazione, e creare un cordone protettivo intorno al debito degli altri paesi per evitare che gli speculatori prendano d’assalto quello loro.
Con o senza queste manovre, comunque, per tutti i contribuenti europei la crisi vera  e’ appena cominciata.


Loretta Napoleoni
[tratto da il Caffè]



sfoglia gennaio        marzo
Chi sono

Mi chiamo Loretta Napoleoni e ho deciso di aprire un blog per condividere i miei articoli e le mie opinioni con la rete.

leggi tutta la biografia
Gli altri libri

Tutti i libri
Prossimi appuntamenti
Archivio


Blog letto1 volte
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom